QUALCHE SPERANZA PER LA PROSSIMA PRIMAVERA: L’intervento del presidente Nicola Marini

Lodi: Il seminario dell’Autotrasporto, nella sala conferenze della Camera di Commercio a cura dell’Unione Artigiani di Lodi e provincia e di Fai services con da sin Nicola Marini presidente autotrasporto e vice presidente Unione

Gli artigiani si augurano che il 4 marzo, giorno di elezioni rappresenti una scossa per l’Italia.

Mancano pochi giorni alle elezioni, abbiamo ascoltato le promesse più irrealizzabili e i soliti ritornelli, ma ancora nessuno parla di come rivitalizzare le piccole e medie imprese italiane, quelle che hanno reso grande questo paese, le uniche che, ancora una volta, sono in grado di trascinarlo fuori dalle difficoltà economiche.

Il 4 marzo sarà una data importantissima, con le elezioni del nuovo esecutivo, e del nuovo governatore della Regione. Noi artigiani siamo ancora speranzosi, siamo ancora convinti che la situazione possa cambiare, e vediamo nelle elezioni, oltre che un importante strumento democratico, anche la possibilità di una spinta rinnovatrice per un’Italia ormai stanca di piangersi addosso, decisa a svoltare con convinzione verso un futuro migliore.

Siamo convinti, anche in questo, di rappresentare in pieno l’Italia, quella cosiddetta “maggioranza silenziosa” che è così lontana dai palazzi istituzionali, ma cionondimeno prova un grande amore per questa nazione, e lo esprime con il proprio lavoro, nelle realtà associative, nel proprio impegno per la comunità, cercando di non lasciare nessuno indietro, cercando lasciare il luogo in cui vive, così come la propria azienda, migliore di come l’ha trovata, di generazione in generazione.

Troppo spesso i politici sono portati a parlare alla “pancia” del nostro paese, pensando di intercettare il voto di un elettorato incapace, pronto ad invaghirsi di promesse urlate ad alta voce, di promesse ripetute da anni e mai mantenute. “Cercate di promettere un po’ meno di quello che pensate di realizzare se vinceste le elezioni” : sembra che la politica abbia dimenticato questo attualissimo monito di un grande politico, di un grande statista come Alcide De Gasperi.

Invece, siamo convinti che la maggioranza degli italiani, come noi artigiani, questa frase sarebbe disposta a sottoscriverla senza pensarci due volte. Siamo convinti che la maggioranza degli italiani non sia più disposta a concedere con leggerezza la propria fiducia a chi si riempie la bocca di parole ma non si è mai rimboccato le maniche per mettersi al lavoro.

Il lavoro, è qualcosa che conosciamo bene. È qualcosa a cui abbiamo dedicato gran parte della nostra vita, e tutti noi siamo convinti che è soltanto partendo dal lavoro che si può offrire dignità ad una persona. In questo paese, il lavoro vero, duraturo e dignitoso è creato per la maggior parte dalle piccole e medie imprese, ma nessuno ha il coraggio di fare un passo per chiedere alle Pmi di cosa abbiano davvero bisogno.

Ormai ci sentiamo come un disco rotto a furia di lanciare i nostri appelli, ma penso che sia il caso di ripetersi ancora una volta. La prima riforma, che è a costo zero, è quella burocratica. Prima ancora della solita promessa di abbassare le tasse, vogliamo semplificazione normativa, perché ogni inutile adempimento farraginoso è tempo sottratto al nostro lavoro. In secondo luogo una tassazione che abbia più rispetto di chi crea ricchezza con il proprio sudore, a chi crea occupazione rischiando del proprio, invece di strizzare l’occhio a chi crea ricchezza con la finanza, a chi moltiplica capitali a spese del prossimo.

Non dimentichiamo che le piccole e medie imprese non sono soltanto quelle che hanno creato il benessere, ma anche quelle che hanno trasmesso, nel mondo del lavoro e dell’economia, i valori tradizionali di questo paese, fondati sul rispetto reciproco, sull’impegno, sulla famiglia e sul sacrificio.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. maggiori informazioni

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi