RACCOLTA E RECUPERO PFU: I NUOVI IMPORTI DEL CONTRIBUTO AMBIENTALE

CONTRIBUTO PFUCom’è noto, a partire dal Giugno 2011 è entrato in vigore il nuovo sistema di gestione dei pneumatici fuori uso (previsto dall’art.228 del d.lgvo 152/2006 e dal  decreto ministeriale 82 dell’ 11/4/2011), per effetto dei quali i pneumatici immessi sul mercato italiano sono gravati da un eco contributo pagato dall’utente finale. Il contributo serve per finanziare le operazioni di raccolta e recupero da parte dei produttori e degli importatori di pneumatici, e si applica all’atto della loro sostituzione o della vendita del veicolo nuovo; viene differenziato per le diverse tipologie di pneumatici e di veicoli, e deve essere indicato distintamente ed in modo chiaro sulla fattura o su qualsiasi altro documento fiscale rilasciato al cliente.

Gli importi aggiornati del contributo, in vigore dal 20 Luglio p.v, sono indicati nella tabella seguente:

CATEGORIA DESCRIZIONE PESI  MIN – MAX CONTRIBUTO (EURO/PNEUMATICO)
A Ciclomotori e motoveicoli A1 (2-8) 1,53
B Autoveicoli e relativi rimorchi (autovetture, autocaravan, ecc..) B1 (6-18) 5,40
C Autobus e veicoli destinati al trasporto merci (inclusi rimorchi e semirimorchi) di massa superiore alle 3,5 ton  

C1 (20-40)

C2 (41-70)

 

26,97

48,79

D Macchine agricole, macchine operatrici, macchine industriali D0 (<4)

D1 (4-20)

D2 (21-40)

D3 (41-70)

D4 (71 – 130)

D5 (131-200)

D6 (>200)

4,09

4.09

7,30

19,12

41,71

62,56

121,65

 

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. maggiori informazioni

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi