BONUS ENERGIA, PUBBLICATO IL NUOVO DECRETO AIUTI-TER

Aggiornamento: 3 ott


Con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del 23/09/2022 n.223, il nuovo Decreto Aiuti-ter va ad incrementare le agevolazioni del Bonus energia, già riconosciute per il primo, secondo e terzo trimestre, a favore delle imprese “energivore” e “non energivore”, delle imprese “gasivore” e “non gasivore”. Il riferimento dell’incremento è relativo alle spese sostenute per l’acquisto di energia elettrica/gas naturale consumati nei mesi di ottobre/novembre 2022, a fronte dell’incremento del relativo costo. Si segnala l’estensione della platea per le imprese dotate di contatori di energia elettrica di potenza disponibile pari o superiore a 4,5 KW(in precedenza 16,5 kW) oltre la quale è possibile accedere al credito d’imposta per le imprese non energivore. Il beneficio sia per il caso del gas e sia per quello elettrico, spetta a condizione che il prezzo di riferimento del gas naturale/costo per kWh della componente di energia elettrica, calcolato come media del terzo trimestre 2022 dei prezzi di riferimento, abbia subito un incremento superiore al 30% del corrispondente prezzo medio del terzo trimestre 2019. Il credito d’imposta è riconosciuto in misura percentuale delle spese sostenute per l’acquisto del gas naturale/energia elettrica effettivamente utilizzata nei mesi di ottobre e novembre 2022. I crediti d’imposta sopra esaminati sono utilizzabili esclusivamente in compensazione tramite il mod.F24 entro il 31/03/2023. L’impresa beneficiaria può cedere il credito d’imposta spettante, solo per intero, entro il 31/03/2023, ad altri soggetti, compresi istituti di credito/altri intermediari finanziari. In generale non è consentita una successiva cessione. Tuttavia sono possibili 2 ulteriori cessioni, successive alla prima, solo se effettuate a favore di banche/intermediari finanziari/società appartenenti ad un gruppo bancario/imprese di assicurazione. I soggetti beneficiari del credito d’imposta, a seguito della cessione dello stesso, devono richiedere il visto di conformità dei dati relativi alla documentazione attestante la sussistenza dei presupposti. I conteggi per determinare l’importo esatto del credito fiscale a cui si ha diritto devono essere richiesti al fornitore di energia che è tenuto a fornire i dati all’azienda cliente solo su esplicita richiesta di quest’ultima. La richiesta ( vedi allegati ) deve essere inoltrata al venditore, preferibilmente via PEC (solitamente indicata nella bolletta), entro il 29 novembre 2022.

Per informazioni potete contattare la responsabile della contabilità Gianpiera Invernizzi 0371 407218



GAS
.pdf
Download PDF • 278KB





ENERGIA
.pdf
Download PDF • 273KB

Post correlati