LEGGE DI BILANCIO: PRINCIPALI NOVITA'


Riepilogo delle principali novità di carattere fiscale per le imprese, introdotte dalla legge 30 dicembre 2020, n. 178 (c.d. Legge di bilancio 2021)


CREDITO D’IMPOSTA PER INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI (co. da 1051 a

1063)

Nell’ambito del Piano Nazionale Transizione 4.0, il credito d’imposta per investimenti in beni strumentali viene prorogato fino al 31/12/2022 (fino al 30/06/2023 ove entro il 31/12/2022 sia accettato l’ordine e siano versati acconti almeno pari al 20% del costo d’acquisizione) con decorrenza anticipata al 16/11/2020.

Le agevolazioni che dal 2020 hanno sostituito super ed iper ammortamento, hanno subito ampliamenti sia delle aliquote agevolative, che delle spese ammissibili e dell’ambito applicativo:

Investimenti dal 16/11/2020 al 31/12/2021

Credito d'imposta per Beni Industria 4.0 (ex iper ammortamenti)

Fino a € 2.500.000 50% (in luogo del 40%)

Superiore a € 2.500.000 fino a € 10.000.000 30% (in luogo del 20%)

Superiore a € 10.000.000 fino a € 20.000.000 10%

Superiore a € 20.000.000 (in precedenza non previsto) zero

Credito d'imposta per Beni Immateriali interconnessi

Fino a € 1.000.000 (in luogo dei precedenti €. 700.000) 20% (in luogo del 15%)

Superiore a € 1.000.000 zero

Credito d'imposta per Beni non industria 4.0 (ex super ammortamento inclusi i beni immateriali)

Per i beni materiali

Fino a € 2.000.000 (in luogo dei prec. €. 1.000.000) 10% (in luogo del 6%)

Superiore a € 2.000.000 zero

Per i beni immateriali

Fino a € 1.000.000 10% (in luogo del 6%)


Superiore a € 2.000.000 zero

Infine per gli investimenti in strumenti tecnologici destinati dall’impresa per la realizzazione di forme di lavoro agile, si applica l’aliquota del 15%.


Investimenti dal 01/01/2022 al 31/12/2022

Credito d'imposta per Beni Industria 4.0 (ex iperammortamenti)

Fino a € 2.500.000 40%

Superiore a € 2.500.000 fino a € 10.000.000 20%

Superiore a € 10.000.000 fino a € 20.000.000 10%

Superiore a € 20.000.000 zero

Credito d'imposta per Beni Immateriali interconnessi

Fino a € 1.000.000 20%

Superiore a € 1.000.000 zero

Credito d'imposta per Beni non industria 4.0 (ex superammortamento, inclusi i beni immateriali)

Per i beni materiali

Fino a € 2.000.000 6%

Superiore a € 2.000.000 zero

Per i beni immateriali

Fino a € 1.000.000 6%

Superiore a € 2.000.000 zero


BONUS R&S 4.0 (co. 1064)

Sempre nell’ambito del Piano Nazionale Transizione 4.0 viene previsto che il credito d’imposta per R&S introdotto dall’art. 1, co. 198-208, L. n. 160/2019 per gli investimenti in ricerca e sviluppo, transizione ecologica, innovazione tecnologica 4.0 ed altre attività innovative, viene confermata fino al 31/12/2022.

Il bonus spetta nelle seguenti misure per investimenti:

ricerca e sviluppo: 20% (bonus massimo €. 4 mil.)

innovazione tecnologica generica: 10% (bonus massimo €. 2 mil.)

innovazione tecnologica per realizzare prodotti/processi di produzione nuovi/sostanzialmente migliorati con obiettivi di transizione ecologica innovazione digitale 4.0: 15% (bonus massimo €. 2 mil.)

design/ideazione estetica: 10% ( bonus massimo €. 2 mil.)


BONUS FORMAZIONE 4.0 (co. da 1064)

Altro intervento relativo al Piano Nazionale Transizione riguarda il credito d’imposta per la formazione 4.0, che è statro esteso fino al 31/12/2022. Vengono inoltre ampliati i costi ammissibili. In particolare, risultano ammesse le seguenti spese:

costo del lavoro dei partecipanti e spese generali indirette (amministrative, di locazione, ecc.)

costo del lavoro riferite ai formatori (per le ore di formazione interna)

spese di viaggio relative a formatori e partecipanti

costi per consulenze direttamente afferenti


BONUS ADEGUAMENTO AMBIENTE DI LAVORO (co. da 1098 a 1100)

E’ stato ridotto il termine previsto per utilizzare l’agevolazione fiscale; con le nuove disposizioni il credito d’imposta:

è fruibile dal 1° gennaio al 30 giugno 2021 (non più per tutto il 2021), prevedendo però in

questo periodo l’opzione per la cessione del credito, ai sensi dell’art. 122 D.L. n. 34/2020.


BONUS SUD (co. 171)

E’ disposta la proroga al 31/12/2022 del credito d'imposta per l’acquisto di beni strumentali nuovi destinati a strutture produttive nelle zone assistite ubicate nelle regioni del Mezzogiorno (Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Molise, Sardegna e Abruzzo).


PLASTIC E SUGAR TAX (co. 1084 e 1085)

L’introduzione della plastic tax è prorogata al 1/07/2021, mentre l’introduzione della sugar tax è prorogata al 1/01/2022.


NUOVA SABATINI (co. 95 e 96)

La richiesta di erogazione in unica soluzione del contributo statale (cd nuova Sabatini) viene estesa a finanziamenti di qualsiasi importo.


RIALLINEAMENTO AVVIAMENTO (co. 83)

Il riallineamento contabile/fiscale di cui all’art. 14 L. 342/2000si applica anche ai beni immateriali, compreso l’avviamento, risultanti dal bilancio dell’esercizio in corso al 31/12/2019.

Si può usufruire della norma agevolativa mediante il pagamento di un’imposta sostitutiva del 19% per i beni ammortizzabili, del 15% per quelli non ammortizzabili, da versare in un massimo di 3 rate annuali.


IVA AGEVOLATA SU TAKE AWAY E DELIVERY (co. 40)

Viene disposta l’applicazione dell’IVA ridotta al 10% (in luogo dell’aliquota propria) alle operazioni di cessione di cibo “da asporto” e di cessione con “consegna al domicilio”.


IVA VACCINI COVID-19 (c. 452 e 453)

Con la norma in commento si dispone che fino al 31/12/2022 sono esenti IVA le cessioni della strumentazione per diagnostica per COVID-19 e le prestazioni di servizi strettamente connesse a detta strumentazione. Rimane tuttavia fermo il riconoscimento del diritto alla detrazione di quella assolta a monte.

Allo stesso modo, in deroga al numero 114 della tabella A, parte III, allegata DPR n.

633/1972, sono esenti dall’IVA dal 20/12/2020 al 31/12/2022, anche in questo caso con diritto alla detrazione dell’imposta, le cessioni di vaccini contro il Covid-19 e le prestazioni di servizi strettamente connesse a tali vaccini.


LOTTERIA SCONTRINI E CASHBACK (co. da 1095 a 1097)

Si potrà partecipare alle estrazioni della lotteria degli scontrini esclusivamente per gli acquisti pagati con strumenti di pagamento elettronici (carte di credito, bancomat, ecc.), rimanendo esclusi gli acquisti effettuati in contanti.

La norma chiarisce inoltre che il rimborso per il cashback non è imponibile ai fini dei redditi.


SEMPLIFICAZIONI FISCALI (co. 1102)

E’ stato allineato il termine di annotazione delle fatture nei registri IVA per i contribuenti minori con quelli previsti per la liquidazione dell’IVA. Il termine di annotazione delle fatture emesse nel relativo registro è quindi entro la fine del mese successivo al trimestre di effettuazione delle operazioni e con riferimento allo stesso mese di effettuazione delle operazioni.

E’ stato abolito l’esterometro; dal 1/01/2022 infatti la trasmissione dei dati delle operazioni con l’estero (attive e passive) avviene tramite il SDI. Sono previste specifiche sanzioni in caso di inadempimento.

I soggetti tenuti all'invio dei dati al Sistema TS sono esonerati dall’emissione della fattura elettronica anche per il 2021. Ai fini dell'elaborazione della dichiarazione dei redditi precompilata, non possono emettere fatture elettroniche con riferimento alle fatture i cui dati sono da inviare al STS.

Precompilata IVA: vengono integrate le disposizioni che disciplinano la consultazione e la predisposizione da parte dell’Agenzia delle entrate dei documenti precompilati IVA.


CORRISPETTIVI TELEMATICI (co. da 1109 a 1115)

La memorizzazione elettronica e la consegna dei documenti (se richiesta dal cliente) che attestano l’operazione, deve essere effettuata non oltre il momento dell’ultimazione dell’operazione.

L’entrata in vigore dell’operatività dell’utilizzo dei “sistemi evoluti di incasso” ai fini dell’obbligo di memorizzazione, viene differita al 1° luglio 2021.

Viene introdotto un nuovo impianto sanzionatorio per le violazioni correlate alla memorizzazione e trasmissione telematica dei corrispettivi. Per le violazioni inerenti alla memorizzazione e trasmissione telematica dei corrispettivi, viene quindi abrogato il rinvio al regime sanzionatorio dettato per quelle in materia di scontrini e ricevute fiscali (in virtù del quale si rendeva applicabile la sanzione pari al 100% dell’imposta corrispondente all’importo non documentato prevista nel caso di mancata emissione di ricevute, scontrini o documenti di trasporto ovvero di emissione di tali documenti per importi inferiori a quelli reali e nelle ipotesi di omessa annotazione sul registro dei corrispettivi o di irregolare funzionamento dei misuratori fiscali), è stata introdotta una disciplina specifica.


PRIMA RATA 2021 IMU TURISMO (co. da 599 a 601)

Per quel che riguarda l’esenzione dalla 1° rata IMU, vengono di fatto ribadite le fattispecie di esenzione previste per la 2° rata IMU 2020 dal DL Agosto (art. 78 D.L. 104/2020). Ad esclusione degli immobili cat. D/3 destinati a cinema, teatro e simili, sono pertanto esentati dalla 1° rata IMU 2021 gli immobili strumentali per destinazione dei proprietari (dunque non se in uso a terzi) con cat. D/2 (alberghi e pensioni) incluse pertinenze ed “installazioni funzionali” a tali D/2 adibiti a:

agriturismi

villaggi turistici

ostelli della gioventù

rifugi di montagna

colonie marine e montane

affittacamere per brevi soggiorni, appartamenti per vacanze, bed & breakfast e residence

campeggi

discoteche, sale da ballo, night-club e simili

Sono altresì esenti dalla 1° rata IMU 2021, anche se in uso a terzi, gli immobili adibiti a

stabilimenti balneari marittimi, lacuali e fluviali

stabilimenti termali

ovvero per la categoria D, utilizzate da imprese che allestiscono stand in fiere o simili.


IMU E TARI PENSIONATI RESIDENTI ALL’ESTERO (co. 48)

A decorrere dall’anno 2021 viene prevista a favore dei pensionati italiani all’estero, la

riduzione del 50% dell’IMU, nonchè la riduzione di due terzi della TARI, la tassa sui rifiuti.


L’agevolazione spetta per una sola unità immobiliare a uso abitativo, non locata o data in

comodato d’uso, posseduta in Italia a titolo di proprietà o usufrutto.

58 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti
Link
Partner
  • Facebook - Black Circle
  • Instagram - Black Circle
LAUS UNION DATI Srl - 26900 LODI Via Lago Maggiore, 2 - Partita IVA 09718410153 – C.C.I.A.A. 1312444 - Normativa privacy
© protetto da Copyright