Partenze sicure, il decalogo per un veicolo sicuro


Tempo di partenze per le vacanze e quindi tempo di affrontare in modo appropriato il tema della sicurezza stradale oltre a quello sanitario. Anche quest'anno saranno parecchi gli italiani che utilizzerrano come mezzo l'automobile per muoversi verso mari, monti e varie località di villeggiatura, affrontando lunghi viaggi con vetture cariche di passeggeri e bagagli, con temperature spesso elevate che metteranno a dura prova gli autoveicoli. Quando si parla di sicurezza stradale, si tende spesso a sottovalutare l’aspetto del controllo e invece un test adeguato della propria autovettura è fondamentale per arrivare sicuri alla meta. Se si vuole ridurre al minimo il rischio di rimanere “in panne” è necessario far controllare il proprio autoveicolo dal meccanico o concessionario di fiducia. Ciò non significa necessariamente affrontare grosse spese; soprattutto se l’autoveicolo è periodicamente “tagliandato” dall’officina di fiducia.

Vi elenchiamo i controlli cui verrà sottoposto l’autoveicolo:

1) efficienza freni anteriori, posteriori e freno a mano;

2) livelli olio motore, liquido di raffreddamento, liquido dei freni, liquido lavavetri;

3) stato delle spazzole tergicristallo e spruzzatori lavavetro;

4) usura pneumatici e verifica pressione (anche della ruota di scorta);

5) efficienza luci ed indicatori di direzione (compresi lampeggiatori, stop, luci interne ) e presenza a bordo delle lampade e fusibili di scorta;

6) scadenze revisione

7) impianto condizionamento e pulizia gruppo radiatori;

8) scadenza della manutenzione periodica;

9) Verificare i documenti, essere in regola con assicurazione, bollo, oltre che la scadenza della patente.

10) dotazioni di emergenza a portata di mano: giubbotto alta visibilità, torcia elettrica, numero verde dell’ACI o della compagnia della Vostra assicurazione per chiamare il soccorso stradale.

Una preziosa raccomandazione: evitare accuratamente i meccanici improvvisati e/o abusivi per una serie importante di motivi. Innanzitutto la professionalità: oggi le autovettura hanno una componentistica elettronica e sistemi di sicurezza (come ABS e AIRBAG) molto complessi, che soltanto gli autoriparatori qualificati con alle spalle seri corsi di aggiornamento sanno smontare e rimontare correttamente.

Soltanto quando il cliente ha una ricevuta in mano può contestare all’officina un lavoro fatto non a regola d’arte. Pretendere sempre il rilascio del documento fiscale implica anche la garanzia sui ricambi sostituiti.

Inoltre i riparatori irregolari, oltre a frodare il fisco (e il cliente), danneggiano l’ambiente. Infatti a loro è quasi sempre imputabile l’abbandono nei prati o sul ciglio delle strade di batterie esauste, latte di olio usato e vecchi pneumatici in quanto non possono smaltire i rifiuti pericolosi secondo i dettami di legge.

Pertanto, sempre senza ironia, “E’ MEGLIO PREVENIRE CHE CURARE !!!”

Ultima raccomandazione: Se caricate la vettura tenere a portata di mano in un sacco a parte: la ruota di scorta, la chiave per allentare i bulloni della ruota ed il cric. Quanta gente si vede sotto il sole cocente costretta a mettere a terra tutti i bagagli per poter prendere la ruota di scorta da sostituire a quella forata!!Il massimo della scrupolosità sarebbe provare le operazioni di sostituzione della gomma con una simulazione a casa.

Federazione Autoriparatori

UNIONE ARTIGIANI E IMPRESE LODI

Post correlati