TAXI - IL GRIDO D'AIUTO DEL SETTORE

"Arresti a San Zenone: i tassisti di Lodi doppiamente feriti"

Gentile direttore Rinaldi,

come semplici cittadini, anche noi tassisti lodigiani abbiamo appreso con rammarico la notizia dell'arresto di tre persone che spacciavano nella stazione di San Zenone, perché dimostra che, nonostante il lockdown, la criminalità purtroppo non si ferma. Tuttavia nell'articolo, pubblicato lo scorso lunedì 23 sul Cittadino online e martedì 24 sulla versione cartacea (con il titolo “Blitz della polizia contro lo spaccio in stazione, scattano gli arresti”) si parlava anche di un'altra persona coinvolta oltre agli spacciatori: “Un altro italiano di 54 anni residente nel Lodigiano e di professione conducente di taxi”, denunciato in stato di libertà e sottoposto all'obbligo di firma in quanto “avrebbe utilizzato l'automezzo di lavoro per trasportare gli altri indagati sul luogo dello spaccio”.

Questa notizia ci ferisce doppiamente, perché rischia di danneggiare l'immagine di chi, come noi, ogni giorno svolge il proprio lavoro onestamente tra mille difficoltà. Pertanto vogliamo precisare che la persona menzionata nell'articolo è evidentemente residente nel Lodigiano, ma non è assolutamente uno dei tassisti operativi a Lodi, che non sono minimamente coinvolti in questa vicenda di cronaca. Peraltro, ci preme precisare come proprio noi tassisti siamo costretti ogni giorno ad affrontare in prima persona situazioni di degrado legate alla microcriminalità: più di una volta, ad esempio, abbiamo denunciato anche al Cittadino i problemi della zona della stazione di Lodi, dove anzi la nostra presenza giorno e notte rappresenta un presidio di sicurezza.

Speriamo, quindi, che questa notizia non getti discredito su una categoria che, come tante altre, in questi mesi sta vivendo molte difficoltà per via della pandemia, e se possibile ne approfittiamo per ribadire che i nostri mezzi sono sempre attivi, e dotati di tutti i presidi di sicurezza relativi alle norme anticontagio. Nel porre distinti saluti, la ringrazio per lo spazio che vorrà concedere.

Categoria Taxi, Unione Artigiani e Imprese Lodi

21 visualizzazioni